giovedì 1 marzo 2012

due righe...

Due righe per un post che non pensavo fosse preso così seriamente e che però mi fa capire quanto ci si possa avvicinare ad una persona che conosci solo virtualmente.
Io sono una persona a cui piace scherzare e molto ironica soprattutto nei miei stessi confronti...quindi tutto quello che scrivo sul giardiniere è una cronaca buffa del vissuto quotidiano.
Quando dico "ultimo giorno di libertà" è logico che scherzo... io e mio marito siamo sposati da 33 anni e se non ci fosse l'amore e tutto il resto alla base non saremmo insieme di sicuro.
Noi ci becchiamo sempre, siamo contrari in tutto...se dico nero lui dice bianco, se ho caldo lui ha freddo, lui è mattiniero e io invece dormirei fino a mezzogiorno...ma alla fine su tutte le decisioni importanti...quelle che contano davvero o nelle prove che abbiamo avuto nel nostro percorso di vita siamo sempre stati uniti.
Se io ho potuto rimanere a casa dal lavoro e crescere i figli è stata una decisione comune ed è stato grazie a lui che aveva un lavoro che lo faceva guadagnare bene, anche se questo significava essere sola la maggior parte del tempo e fare spesso da padre e da madre.
Ho potuto seguire i miei genitori nelle loro tremende malattie senza nessun limite con un appoggio da parte sua che auguro a tutti di avere dal proprio compagno o compagna...e ci sarebbero altri mille esempi che potrei fare.
Non mi ha mai ostacolato in niente perchè si fidava e si fida di me come io di lui.
Intendiamoci però eh... le piante le sposta di continuo, ha il prezzemolo da festa e quello per tutti i giorni, soffre quando deve prendere qualcosa dall'orto...e lì io ci sguazzo nel prenderlo in giro.
Comunque per continuare la mia cronaca ...stamattina (primo giorno di pensione) sì è alzato alle 6 come se dovesse andare al lavoro e mi ha portato il caffè (che non bevo mai la mattina!!!) svegliandomi e annunciandomi quello che intendeva fare nella giornata.
Giacomo mi ha detto : " ma papà si ricorda che oggi è in pensione?"
Mah...intanto io ho gia preso una pastiglia per il mal di testa.

8 commenti:

mindcreativity ha detto...

ciao mia madre da quando mio padre è andata in pensione ...si è scatenato l inferno...sempre tra i piedi sta a commentare ogni sua mossa !!e noi ridiamo..ma deve essere tremendo!!

mida.f3 ha detto...

Ciao, io ho lavorato con lui per 19 mesi al bar, insieme 24 ore su 24. I primi tempi non facevamo che beccarci su tutto, poi pian piano abbiamo scelto i nostri compiti ed è andata meglio. Ora ritornati a casa abbiamo mantenuto le stesse regole. Trovagli qualche cosa da fare che lo tenga occupato lontano da te. Lui fuori, tu dentro e vedrai che le cose in breve si sistemeranno.
Comunque anche nella nostra coppia (da ben 36 anni) l'ironia è sovrana, prendere la vita con un sorriso, sapersi prendere in giro ed accettare di essere preso in giro, è molto importante.
Il vostro percorso di vita assomiglia molto al nostro, mio marito non è ancora in pensione, ma essendo libero professionista non credo che quando ci andrà sarà un tipico pensionato... e meno male.
Porta pazienza... tutto passa.
Milena d

Gabry ha detto...

Ma che carino...ti ha portato il caffè a letto, dai apprezza il gesto che ha fatto!
Però dobbiamo anche capirli questi mariti che da un giorno all'altro non hanno più un punto di riferimento che è il lavoro. Magari stavano fuori casa tutto il giorno, uscivano la mattina per tornare solo la sera per la cena, e così la giornata era finita! Perciò dobbiamo avere pazienza, per il momento diamogli delle commissioni da fare, un po' come per i bambini, tanto per impegnarli e farli sentire un po' utili e... tenerli lontani.
Una mia amica ha iscritto suo marito a dei corsi serali tipo "degustazione vino" o altri che possono essere interessanti.
Dai vediamo anche il bello di averlo a casa, potete fare tantissime cose assieme, puoi viaggiare, fare la spesa al supermercato così eviti il peso delle borse...
Bacioni Gabry

Anna ha detto...

Io spesso brontolo quando è in casa e me lo trovo fra i piedi (17anni di convivenza) e spesso non siamo d'accordo sulle cose ma quando c'è non lo lascio mai, facciamo quasi tutto insieme. Bacchettarsi è anche segno di interesse e d'amore.
Un sorriso
Anna

barbara4stagioni ha detto...

Dobbiamo un po' scherzare sulla nostra vita di coppia...e soprattutto dei nostri maritini. Ovvio deve rimanere tutta sull'ironia.
Complimenti al maritino che ti ha portato il caffe' a letto.
Diciamo che ha iniziato la giornata con il piede giusto (non badiamo al fatto che tu poi non lo prendi il caffe') ma il gesto va apprrezzato.
Un buon proseguimento a voi e buon lavoro.
kiss kiss

Marener ha detto...

mARINA, TI CHIEDO SCUSA, PENSAVO CHE PARLAVI SUL SERIO! da lì il mio comento fuori di posto.Baci ed abbracci

Varla Lee ha detto...

Immaginavo che era così perchè se ce una cosa che di te ho colto è proprio il tuo meraviglioso senso dell' umorismo e della ironìa che un po' mi caraterizza e mi aiuta a sopravivvere nella vita matrimoniale (lol). Perciò anche i miei commenti al riguardo lo erano.Espero non avere essaggerato e creato qualche mal contento a nessuno. Un abbraccio forte.

AlessandraLace ha detto...

e già, con la pensione, ora è necessario trovare un nuovo equilibrio. sarà un nuovo modo di vivere e con la maturità avrete come di apprezzare di più i piccoli momenti. ti abbraccio